Compie oggi 100 anni Franca Valeri un secolo di genialità. La Valeri è un pilastro fondante del nostro cinema, del nostro teatro, della nostra televisione. Mi permetto un umile omaggio ripubblicando una intervista che mi rilasciò per il quotidiano il Centro, il 10 marzo 2007. Eccola:

Franca Valeri un secolo di genialità. Franca Valeri con Alberto Sordi in una scena del film "Il Vedovo"
Franca Valeri (dietro Alberto Sordi) in una scena del film “Il Vedovo”

Franca Valeri in tour con “Le serve”

L’amicizia con Flaiano, il teatro di oggi, il testo («Le serve» di Genet per la regia di Giuseppe Marini) che porta in scena con Annamaria Guarnieri e Patrizia Zappa Mulas. Franca Valeri, signora della prosa (ma anche del cinema e della tv), è in Abruzzo.

Ieri sera, al Fenaroli di Lanciano ha iniziato il tour per il circuito Atam (Associazione teatrale abruzzese e molisana). Questa sera lo spettacolo sarà alle 21 al Comunale di Avezzano, domani alle 18 al Caniglia di Sulmona e martedì alle 21 al Comunale di Teramo. Franca Valeri ha risposto alle domande del Centro.

Franca Valeri un secolo di genialità. L'intervista pubblicata sul quotidiano il Centro
L’intervista pubblicata sul quotidiano il Centro

«Le serve» di Genet tratta un tema particolare, quello dell’omicidio.

«Sì ma, naturalmente, questo testo assume anche altri significati. Qui la padrona diventa quasi un’emanazione della loro fantasia, della loro psicologia. La versione che ne dà il regista è un po’ diversa rispetto alla tradizione, ha trasformato le due serve, in due serve anziane anziché giovani, e la padrona che ha quasi l’aspetto surreale della loro fantasia, malata. La commedia corre sul filo della fatalità».

Il teatro di oggi vive una drammatica assenza di testi, di commediografi.

«Sì purtroppo, ci sono pochi testi nuovi se non quasi niente. C’è una continua riesposizione di vecchi titoli. C’è, soprattutto, una grande penuria di mezzi, anche la parte organizzativa che sostiene il teatro è da rinnovare. A me non dà un’eccessiva noia, faccio quello che mi piace di fare. Ma è un problema per i nuovi interpreti».

Franca Valeri un secolo di genialità
Franca Valeri

Nelle platee trova ancora giovani?

«Non è vero che il pubblico del teatro è invecchiato. Ci sono dei giovani, io mi compiaccio di averne molti tra il mio pubblico. In fondo oggi il teatro non è più costoso del cinema, o del football. E poi i ragazzi sono facilitati dalle organizzazioni che promuovono le stagioni».

Lei ha regalato al pubblico bellissime interpretazioni al cinema (indimenticabili quelle al fianco di Alberto Sordi a partire dal «Vedovo»). Cosa pensa della produzione attuale?

«Francamente non saprei assumere un pensiero critico perché lo seguo molto poco, vado poco al cinema. Preferibilmente vedo qualche film inglese, perché hanno molto gusto, film storici, americani. I film italiani li vedo poco».

La commedia all’italiana, è finita?

«Mi pare di sì. Da quello che sento, almeno. Fanno tutti queste finte commedie, queste fiction in televisione. Film da commedia come li facevamo noi non se ne fanno più».

Lei ha avuto modo di conoscere bene Ennio Flaiano. Ne vuole fare un ricordo?

«Eravamo amici. Era un uomo di una intelligenza incredibile, feroce. E poi un grande scrittore, un grande sceneggiatore. Con la mia collega, Patrizia Zappa Mulas (interprete delle Serve, si veda riquadro sopra, ndr) abbiamo fatto uno spettacolo di letture, di Flaiano e Brancati. Purtroppo ci ha lasciato presto. Se era rancoroso? No, è che era dotato di una ironia incandescente e ad alcuni, per questo motivo, era poco simpatico».

Leggi QUI la recensione al libro di Aldo Dalla Vecchia “Viva la Franca – Il secolo lieve della signorina snob” Graphe.it edizioni