Il grande pianista Ramin Bahrami sarà in concerto, venerdì 25 alle 21 al teatro Massimo di Pescara per la stagione musicale della Luigi Barbara.

Ramin Bahrami è uno tra i musicisti più celebri e importanti dell’intero panorama concertistico mondiale, in particolare per il suo prestigioso lavoro sulla musica di Johann Sebastian Bach.

Bahrami

Nato a Teheran nel 1976, il pianista iraniano ha infatti consacrato gran parte della sua attività concertistica e delle sue incisioni discografiche al compositore tedesco. Il programma del concerto pescarese si concentra sulle Partite di Bach: Bahrami eseguirà la n. 2 in do minore, la n. 3 in la minore e la n. 6 in mi minore.

Ramin Bahrami si è diplomato con Piero Rattalino al conservatorio Verdi di Milano, all’Accademia pianistica Incontri col maestro di Imola e con Wolfgang Bloser alla Hochschule für Musik di Stoccarda. Successivamente si è perfezionato con Alexis Weissenberg, András Schiff, Robert Levin e in particolare con Rosalyn Tureck, l’artista che più di altri nel XX secolo ha contribuito a far conoscere l’opera di Bach attraverso i suoi studi e le sue esecuzioni. La sua predilezione per Bach è consacrata nelle registrazioni discografiche delle Variazioni Goldberg e delle 7 Partite che Decca pubblica nel 2004 e nel 2005. L’incisione per Decca de L’arte della fuga di Bach è entrata in testa alle classifiche di vendita pop dalla sua prima pubblicazione nel marzo 2007 rimanendovi per sette settimane.

Sabato 26 ottobre, inoltre, Ramin Bahrami sarà ospite del conservatorio Luisa D’Annunzio di Pescara per un incontro con gli studenti. L’incontro è previsto alle 10 nella sala Bellisario.